BANDO DIGITAL EXPORT - 2022

Aggiornamento: 1 feb



Le Camere di commercio dell'Emilia-Romagna e la Regione Emilia-Romagna, attraverso i contributi erogati a valere sul Bando Digital Export 2022, intendono rafforzare la capacità delle imprese emiliano-romagnole di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nella ricerca di nuovi mercati di sbocco e incrementare la consapevolezza e l’utilizzo delle possibili soluzioni offerte dal digitale a sostegno dell’export , contribuendo così ad accrescere la competitività del sistema produttivo regionale.


Soggetti beneficiari

  • Micro, Piccole o Medie imprese con sede legale e/o unità locali in Emilia-Romagna (con codice ateco primario o secondario appartenente alla sezione C attività manifatturiere divisioni dalla 10 alle 33) con fatturato minimo di euro 500.000,00.

  • Il bando si rivolge prioritariamente alle imprese esportatrici e non esportatrici che non hanno beneficiato di contributi a valere sul Bando Digital Export – Anno 2020 e sul Bando Promozione Export e Internazionalizzazione intelligente 2019.

Investimenti ammissibili


Ogni impresa può presentare un solo progetto e gli investimenti devono essere articolati in almeno 2 dei seguenti ambiti:

  • TEMPORARY EXPORT MANAGER E DIGITAL EXPORT MANAGER: sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di Temporary Export Manager (TEM) e Digital Export Manager (DEM) in affiancamento al personale aziendale. Il percorso di affiancamento all’impresa da parte di un esperto senior in marketing internazionale e/o in comunicazione e web marketing o digital export, dovrà avere una durata minima di 4 mesi corrispondenti ad almeno 25 giornate intere.

  • CERTIFICAZIONI: ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie per esportare in uno o più dei Paesi esteri.

  • B2B e B2C: realizzazione di incontri B2B, in presenza o virtuali a distanza, con operatori dei Paesi esteri.

  • FIERE E CONVEGNI: partecipazione a fiere a carattere internazionale o convegni specialistici internazionali con finalità commerciali in modalità virtuale o in presenza in Italia o all’estero.

  • MARKETING DIGITALE: realizzazione di attività di promozione attraverso uno o più canali digitali: posizionamento sui motori di ricerca, vetrine digitali, social media marketing, digital advertising. SEO, SEM, DEM. Le attività dovranno essere realizzate in lingua estera.

  • BUSINESS ON LINE: avvio e sviluppo della gestione di business on line (attraverso l’utilizzo di piattaforme e-commerce/marketplace/sistemi di smart payment internazionali).

  • SITO WEB AZIENDALE: progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa

  • MATERIALE PROMOZIONALI: potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua estera (progettazione, predisposizione, revisione, traduzione cataloghi, brochure, presentazione aziendale – no stampa)

Spese ammissibili


Le spese ammissibili sono comprese tra € 10.000 e € 30.000, devono essere sostenute e fatturate a partire dal 01/01/2022 fino al 31/12/2022 e devono riguardare:

  1. servizi di consulenza relativi a uno o più ambiti di attività;

  2. quote di adesione ai vari servizi delle piattaforme convegnistiche digitali e incontri d’affari;

  3. spese per la partecipazione a convegni specialistici internazionali e a fiere a carattere internazionale in qualità di espositori in presenza o virtuali: nel caso di convegni e fiere in presenza sono ammessi i seguenti costi: affitto spazi e sale, allestimento (incluse le spese di progettazione degli stand), trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse, ingaggio di pagina 10 di 24 hostess/interpreti. Nel caso di convegni e fiere virtuali sono ammessi i seguenti costi: iscrizione al convegno e/o alla fiera e ai relativi servizi, consulenze in campo digitale, hosting, sviluppo piattaforme per la virtualizzazione, produzione di contenuti digitali, accordi onerosi con media partners, spese di spedizione del campionario; adesione ai vari servizi delle piattaforme fieristiche/convegnistiche digitali, realizzazione di spazi espositivi virtuali e incontri d’affari;

  4. registrazione del marchio nei Paesi target di destinazione individuati nel progetto e spese per consulenze finalizzate alla registrazione del marchio;