GREEN PASS obbligatorio: le ultime novità



A seguito della pubblicazione del nuovo Decreto Legge del 16/09/2021 viene stabilito che dal 15 Ottobre e fino al 31 Dicembre, tutti i lavoratori, sia di aziende pubbliche che private, compresi autonomi e collaboratori familiari ("..tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato"), per accedere ai luoghi di lavoro dovranno essere in possesso di GREEN PASS o un certificato medico che giustifichi la mancata vaccinazione contro il COVID-19.


Chi non sarà in grado di esibire il GREEN PASS non potrà essere ammesso in azienda e sarà sospeso dalla prestazione lavorativa, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro. "Per il periodo di sospensione non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato". La sospensione è comunicata immediatamente al lavoratore interessato ed è efficace fino alla presentazione della certificazione verde COVID-19 e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza.


Il compito di verificare il possesso del GREEN PASS o del certificato medico sostitutivo spetta ai datori di lavoro, i quali entro il 15 ottobre dovranno comunicare le modalità operative per l'organizzazione delle verifiche, anche a campione, prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro e individuano con atto formale i soggetti incaricati dell'accertamento delle violazioni degli obblighi.


La violazione dell'obbligo da parte dei lavoratori è punita con una multa dai 600 € ai 1.500 €, può essere aumentata in caso di contraffazione del documento.


Per i datori di lavoro che non verificano il rispetto delle regole e che non predispongono le modalità di verifica, invece, è prevista una multa dai 400 € ai 1000 €.



QSE Studio è a Vostra disposizione per fornire assistenza in merito al corretto controllo del GREEN PASS garantendo la sicurezza dell'azienda e preservando la privacy dei lavoratori.