top of page

Credito d'imposta autotrasporto di merci per conto di terzi

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato le istruzioni operative per l’accesso al credito d’imposta per gli autotrasportatori.

Per non perderti più nessuna notizia, iscriviti al nostro canale Telegram.


Cosa si intende per trasporto per conto terzi?

Il trasporto di cose in conto terzi è il servizio di chi professionalmente (e non quindi in maniera strumentale ad altre attività) trasferisca cose di persone terze, dietro il pagamento di una tariffa.


A partire dalle ore 15:00 del giorno 18 settembre sarà aperta la piattaforma per la presentazione delle istanze per l’ottenimento del credito d'imposta a favore degli autotrasportatori di merci per conto terzi delle imprese aventi sede legale o stabile in Italia.

Il contributo straordinario è attribuibile nella misura massima del 12% della spesa sostenuta nel secondo trimestre dell'anno 2022 e nel limite massimo dei fondi stanziati pari a 200 milioni di euro, per l'acquisto del gasolio impiegato dai medesimi soggetti in veicoli, di categoria euro V o superiore, di massa complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate, utilizzati per l'esercizio delle predette attività.

I crediti d’imposta sono utilizzabili unicamente in compensazione nel modello F24 e sono cumulabili con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive, non porti al superamento del costo sostenuto.

L’istanza è presentata dai beneficiari esclusivamente attraverso la piattaforma predisposta dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

La piattaforma rimane aperta fino alle ore 23.59 del giorno 6 ottobre.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


Comments


bottom of page