top of page

MARCHE: Voucher digitali impresa 4.0

La Camera di Commercio e la Regione Marche, nell’ambito delle attività previste dal Piano Transizione 4.0 ed in attuazione del Progetto “Transizione Digitale ed Ecologica", intendono promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro, Piccole e Medie Imprese (da ora in avanti MPMI), di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci di transizione ecologica del tessuto produttivo marchigiano.

Per non perderti più nessuna notizia, iscriviti al nostro canale Telegram.


OBIETTIVO

La misura risponde ai seguenti obiettivi:

  • promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI della regione Marche di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;

  • favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese e alla ripartenza nella fase post-emergenziale (emergenza da Covid 19 e da crisi energetica);

  • sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0 attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented.


SOGGETTI BENEFICIARI

Sono ammesse ai benefici del presente avviso pubblico le MPMI delle Marche, al momento della presentazione della domanda di assegnazione e fino a quello della liquidazione del voucher, rispondano ai seguenti requisiti:

  • abbiano sede legale e/o unità locale nel territorio della Regione Marche;

  • risultino iscritte al Registro delle Imprese ed attive;

  • risultino in regola con il pagamento del diritto annuale;

  • risultino in regola con gli obblighi contributivi per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS, INAIL e CNCE;

  • non siano sottoposte a fallimento, concordato fallimentare, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria, concordato preventivo con effetti liquidatori;

  • non abbiano beneficiato o non beneficino di altri contributi pubblici per l’abbattimento delle stesse voci di spesa.

  • non abbiano in corso contratti di fornitura di beni-servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio delle Marche


AMBITI DI INTERVENTO

Con il presente Bando si erogano contributi a fondo perduto (Voucher) alle MPMI per l’acquisizione di servizi di assessment, consulenza, progettazione e formazione, nonché per l’acquisto di beni e servizi strumentali (hardware e software) finalizzati alla implementazione di una o più delle tecnologie digitali previste dal Piano Transizione 4.0.

In particolare, gli interventi di innovazione digitale devono essere funzionali all’implementazione di almeno una delle tecnologie dell’Elenco 1 e, eventualmente, una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1:


ELENCO 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;

  • interfaccia uomo-macchina;

  • manifattura additiva e stampa 3D;

  • prototipazione rapida;

  • internet delle cose e delle macchine;

  • cloud, High Performance Computing - HPC, fog e quantum computing;1;

  • soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);

  • big data e analytics;

  • intelligenza artificiale;

  • blockchain;

  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà 1 aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);

  • simulazione e sistemi cyber fisici;

  • integrazione verticale e orizzontale;

  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;

  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).

ELENCO 2:

  • Sistemi di e-commerce;

  • Geolocalizzazione;

  • Sistemi EDI, electronic data interchange;

  • Tecnologie per l’in-store customer experience;

  • Sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fintech;

  • Sistemi digitali a supporto della forza vendita, inclusi sistemi di configurazione prodotto per piattaforme B2B e B2C.


SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le sole spese (al netto di IVA) identificate da fatture intestate all’impresa beneficiaria.

Le spese si considerano ammissibili solo se effettivamente sostenute a partire dalla data di presentazione della domanda ed entro e non oltre il termine ultimo di presentazione della rendicontazione finale fissato per il 31 dicembre 2023.

Sono ammissibili le spese per l’acquisizione di:

  • servizi di consulenza per l’analisi della maturità digitale dell'impresa (digital maturity assessment), la pianificazione e/o la progettazione di interventi finalizzati all'implementazione di uno o più delle tecnologie digitali oggetto del presente bando individuate al momento della presentazione della domanda, nonché ai fini della partecipazione a misure di incentivazione comunitarie, nazionali o regionali per l’acquisizione delle medesime tecnologie. Sono, infine, considerate ammissibili anche le spese relative alla definizione, progettazione e predisposizione del cd. "Piano di innovazione digitale dell'impresa" da presentare in fase di rendicontazione;

  • servizi di formazione relativi alla partecipazione (del titolare e dei rappresentanti legali dell’impresa ovvero dei collaboratori con rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato) a percorsi il cui programma formativo sia chiaramente riconducibile ad una o più tecnologie digitali;

  • beni e servizi strumentali (hardware e software), purché funzionali all’implementazione delle tecnologie di cui agli Elenchi 1 e 2 nel limite massimo del 50% delle spese complessive ammissibili. Deve trattarsi, pertanto, di beni e servizi il cui acquisto sia coerente e strettamente correlato con gli obiettivi specifici perseguiti dall’intervento e con le attività di consulenza e formazione previste.

Per beni strumentali si intendono, ad esempio, sensori, robotica; visori; macchinari/impianti; stampanti 3D; dispositivi di connessione alla banda ultra-larga, droni; tablet; monitor, etc.


Per servizi strumentali, si intendono, sempre a titolo esemplificativo, acquisizione di software e licenze funzionali alle tecnologie elencate; acquisizione di servizi di cloud computing e SAAS (software as a service), servizi di system integration applicativa e connettività dedicata, acquisizione ed utilizzo di forme di smart payment, ecc.

Nel caso di implementazione di soluzioni software e dei suddetti servizi strumentali sono

ammissibili i soli costi relativi all’acquisto o all'acquisizione dei programmi informatici (anche a titolo di licenza d'uso) a condizione che:

  • l’acquisizione del software e/o del servizio sia avvenuta ex novo in una data successiva a quella di presentazione della domanda di contributo;

  • l’acquisizione sia assolutamente necessaria ai fini della realizzazione degli obiettivi progettuali e coerente con le finalità del progetto allegato al momento della presentazione della domanda;

  • l’acquisizione del software e/o servizio non sia in nessun modo riconducibile alla gestione ordinaria ed al funzionamento dell’impresa.

Non sono ammissibili a contributo progetti che prevedano l'acquisto di beni e servizi strumentali in misura superiore al 50% della spesa ammissibile complessiva.


DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse complessivamente stanziate dalla Camera di commercio e dalla Regione Marche a favore dei soggetti beneficiari ammontano ad € 800.000.

  • Nel caso di Piccole e Medie Imprese l'agevolazione è concessa nella misura del 50% delle spese totali ritenute ammissibili per la realizzazione del progetto, sino ad un importo massimo di € 4.000 per ciascuna impresa beneficiaria.

  • Nel caso di Micro l’agevolazione è concessa nella misura del 70% delle spese totali ritenute ammissibili, sino ad un importo massimo pari ad € 6.000 per ciascuna impresa beneficiaria.

Sono ammessi a finanziamento solo quei progetti il cui costo complessivo ammissibile a contributo sia almeno pari ad € 3.000. Ciascuna impresa può presentare una sola domanda di ammissione per l’assegnazione del voucher.

Le imprese che siano in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti possono essere ammesse a beneficiare di un solo Voucher.


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

A pena di esclusione, le domande di contributo devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo Sportello ON LINE “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema WebTelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle ore 09:00 del 1 giugno 2023, alle ore 19:00 del 21 giugno 2023.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


Comments


bottom of page