top of page

TERNI: Riqualificazione dell’area di crisi industriale del Sistema locale del lavoro

Aggiornamento: 17 lug 2023

Pubblicato il nuovo bando del MIMIT per progetti imprenditoriali al fine di rilanciare le attività industriali della zona e favorire l’occupazione.

Per non perderti più nessuna notizia, iscriviti al nostro canale Telegram.


OBIETTIVO

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIt) ha stanziato circa 15 milioni di euro per la riconversione e la riqualificazione dell’area di crisi industriale complessa di Terni-Narni, con l’obiettivo di

  • rilanciare le attività industriali della zona;

  • salvaguardare l’occupazione;

  • attrarre nuovi investimenti.

La misura, oltre alla città di Terni, interessa i comuni umbri di Acquasparta, Amelia, Arrone, Avigliano Umbro, Calvi dell’Umbria, Ferentillo, Giove, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montefranco, Narni, Otricoli, Penna in Teverina, Polino, San Gemini, Stroncone e il comune laziale di Configni in provincia di Rieti.


SOGGETTI BENEFICIARI

Sono beneficiarie del bando le imprese già costituite in forma di società di capitali e società cooperative. Sono altresì ammesse le reti di imprese, costituite da un minimo di 3 ed un massimo di 6 imprese.


SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili riguardano:

  • Costo del personale;

  • Fabbricati e terreni;

  • Formazione professionale;

  • Impianti/Macchinari/Attrezzature;

  • Servizi, brevetti e licenze;

  • Spese generali/Altri oneri.

Le agevolazioni saranno concesse come contributo in conto impianti, contributo diretto alla spesa o al finanziamento agevolato. Inoltre, nella graduatoria di ammissione, verranno premiate le iniziative con maggiore incremento occupazionale, quelle appartenenti ai settori prioritari previsti dal PRRI, nonché gli investimenti per tutela ambientale.


DOTAZIONE FINANZIARIA

La dotazione finanziaria è di € 14.757.050.

I progetti dovranno prevedere la realizzazione di piani di investimento produttivo o programmi per la tutela ambientale, occupazionale, l’innovazione, la ricerca, lo sviluppo sperimentale e la formazione del personale, con spese ammissibili di importo non inferiore a 1.000.000 di euro.


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande per le agevolazioni, previste nel quadro della riforma della legge 181/89, potranno essere presentate da imprese, cooperative, consorzi e reti di impresa dal 6 giugno al 18 luglio 2023.

Le domande sono avviate alla fase di valutazione istruttoria secondo l’ordine conseguito in graduatoria.

Le domande valutate positivamente saranno ammesse alle agevolazioni fino a concorrenza delle risorse disponibili.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


bottom of page