top of page

EMILIA-ROMAGNA: Commercializzazione turistica per l'anno 2024


Per non perderti più nessuna notizia, iscriviti al nostro canale Telegram.


OBIETTIVO

Il presente bando è finalizzato a:

  • promuovere lo sviluppo delle attività turistiche attraverso l’attuazione di progetti di promo commercializzazione realizzati da imprese, in forma singola o associata, operanti nel territorio della Regione Emilia-Romagna;

  • erogare contributi finanziari alle imprese che realizzano i progetti di cui al precedente punto;

  • concorrere a realizzare gli obiettivi delle Linee guida triennali regionali, che indicano, in particolare, il quadro di riferimento della promo-commercializzazione turistica in Italia e all’estero.


SOGGETTI BENEFICIARI

Micro, piccola o media impresa come imprese singole, consorzi e società consortili, cooperative turistiche e associazioni temporanee di imprese (A.T.I), con ATECO di attività turismo.


SPESE AMMISSIBILI

In generale, sono ammissibili le spese per la promo-commercializzazione turistica, avendo a riferimento la descrizione di tali spese indicata nello schema di Piano finanziario da compilarsi sull’applicativo sfinge 2020 strutturato secondo le voci presenti nell’Allegato A del presente bando, e nello specifico:

  • Cataloghi, folder, guide, cd, video, foto, Pubblicità (TV, stampa, radio), attività di ufficio stampa, spese spedizione materiali, telemarketing e campagne sms, imposte di affissione;

  • Spese per press tour comprensive di viaggio, vitto e alloggio dei partecipanti solo nel caso siano correttamente identificabili (con nominativo e ente o testata di appartenenza) come rappresentanti della domanda turistica nazionale e internazionale (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, giornalisti, blogger, influencer, Youtuber ecc);

  • Spese per gadget destinati alla promozione, (a titolo esemplificativo e non esaustivo gift, shopper, penne, usb e similari) ad esclusione di quanto previsto per le spese non ammissibili, solo ed esclusivamente per prodotti/documenti/oggetti chiaramente descritti sia nel progetto di previsione che a consuntivo e riportanti il marchio del beneficiario, il marchio turistico regionale, e comunque per un importo totale non superiore ad € 3.000,00;

  • Spese di educational tour per Tour Operator comprensive di viaggio, vitto e alloggio dei partecipanti solo nel caso siano correttamente identificabili (con nominativo e ente o testata di appartenenza) come rappresentanti della domanda turistica nazionale e internazionale (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, referenti TO, referenti associazioni del terzo settore del turismo intermediato per giovani/ terza età, referenti agenzie di viaggio);

  • Spese relative alla partecipazione a fiere, ossia noleggio e/o allestimento stand, affitto spazi, viaggio e alloggio per partecipanti alle fiere e agli incontri.

  • Spese per l’organizzazione di workshop, convegni e serate di promo commercializzazione i cui partecipanti siano correttamente identificabili (con nominativo ed ente o testata di appartenenza) come rappresentanti della domanda turistica nazionale e internazionale (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, giornalisti, blogger, referenti TO, referenti associazioni del terzo settore del turismo intermediato per giovani/ terza età, referenti agenzie di viaggio);

  • Spese documentate di trasferta di personale (sia interno che a contratto, e per soci e amministratori), ovvero costi di viaggio, vitto e alloggio per i quali sia chiara l'identificazione, per la partecipazione a incontri d'affari, eventi, seminari, workshop, educational tour ed altri momenti di lavoro assimilabili con stakeholder e rappresentanti della domanda turistica nazionale e internazionale, nei territori dell'offerta (dove opera il beneficiario) e nei territori della domanda (dove operano soggetti dell'intermediazione turistica, decision maker, opinion leader, associazioni, ecc.);

  • Spese per promoter, esclusivamente nel caso in cui ruolo e funzioni di questa figura siano dettagliatamente descritte sia nel progetto di previsione all’atto della richiesta di contributo, sia nella documentazione di rendicontazione. È obbligatorio, in sede di rendicontazione, presentare copia del contratto sottoscritto dal beneficiario col promoter. Nel caso in cui i promoter facciano parte del personale aziendale e nel caso in cui qualsiasi altro soggetto appartenente all’impresa beneficiaria (es.: legale rappresentante) svolga tale tipo di attività, tale voce di spesa non va allocata nella macro-voce “Sostegno alla commercializzazione”, ma va ricompresa nella macro-voce “Spese per il personale”;

  • Spese per organizzazione di eventi, ad esclusione di quanto previsto relativamente alle spese non ammissibili, se strettamente ed evidentemente connessi ad azioni di promo commercializzazione descritte nel progetto ed organizzati con lo scopo di attrarre la “domanda turistica nazionale ed internazionale” diretta e intermediata, capaci di produrre arrivi e presenze turistiche, rassegna stampa e social, di aumentare la visibilità della destinazione nel suo complesso, nella misura massima del 10% dell’importo risultante alla voce “IMPORTO A” del Piano finanziario da compilarsi sull’applicativo sfinge 2020 strutturato secondo le voci presenti nell’Allegato A del presente bando. A titolo esemplificativo e non esaustivo cachet degli artisti, acquisto spettacoli, costi per il noleggio allestimenti e attrezzature, service, catering per eventuali ristori, acquisto beni non durevoli, adempimenti in materia di sicurezza, costi di trasporto, costi per assicurazione evento, diritti SIAE, pacchi gara, trofei e coppe, gadget per la giuria, medaglie, coppe e trofei per gli atleti;

  • Spese per l’adesione a progetti di Co-marketing con club di prodotto, organizzazioni, aziende;

  • Spese relative alla creazione, aggiornamento e implementazione siti internet, Web advertising (campagne pubblicitarie, banner), Web marketing (posizionamento e indicizzazione), Web content (redazione e ottimizz.ne contenuti, e-news, dem), Social Media Marketing (attivazione e gestione profili), E-mail marketing;

  • Spese relative ad applicazioni per dispositivi mobili;

  • Spese per il personale dipendente del beneficiario (assunto con una delle tipologie contrattuali previste dal vigente Codice del lavoro), nella misura massima del 10% dell’importo risultante alla voce “IMPORTO A” del Piano finanziario da compilarsi sull’applicativo sfinge 2020 strutturato secondo le voci presenti nell’Allegato A del presente bando, documentate e certificate da regolari cedolini ed allocate esclusivamente nella macro-voce denominata “Spese per il personale”. Sarà ammissibile esclusivamente la voce stipendiale relativa all’imponibile;

  • Spese relative a consulenza e assistenza tecnico-specialistica per la progettazione, sviluppo e verifica dei risultati del progetto, nella misura massima di euro 5.000,00, certificate esclusivamente da fattura, regolarmente pagata, emessa da fornitore esterno all'impresa beneficiaria;

  • Spese forfettarie di carattere generale nella misura massima del 5% dell’importo risultante alla voce “IMPORTO A” del Piano finanziario previste a quota fissa e non modificabile sull’applicativo sfinge 2020 strutturato secondo le voci presenti nell’Allegato A del presente bando: tali spese, non devono essere certificate a rendicontazione dalla presentazione di documento contabile.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse disponibili per finanziare i progetti presentati ai sensi del presente bando sono pari a complessivi € 2.000.000.


ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

I contributi sono concessi a fondo perduto e non sono cumulabili con altri contributi pubblici.

Ai fini dell'ammissibilità i progetti presentati non possono essere di importo unitario inferiore a euro 35.000 e superiore ad euro 150.000.

La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 50% o inferiore al 40% della spesa ammessa.


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di contributo, inviata attraverso l’applicativo SFINGE 2020 dovrà essere presentata, secondo le modalità di cui al presente articolo, pena la non ammissibilità della stessa, a partire dalle ore 10.00 del giorno 10 novembre 2023 e fino alle ore 13.00 del giorno 20 dicembre 2023.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


Kommentare


bottom of page