top of page

EMILIA-ROMAGNA: Rafforzamento delle competenze per la transizione industriale, digitale e green lungo la direttrice della S3


Numero 5, un punto e uno 0

OBIETTIVO

Con il bando "Rafforzamento delle competenze per la transizione industriale digitale e green" nell’ambito dell’azione 1.4.1. del FESR 21-27, la Regione intende sostenere le aziende che investono sul potenziamento di competenze per sostenere la transizione digitale ed ecologica guidata dalla S3 regionale, l’innovazione dei metodi di produzione e di organizzazione, i materiali e i processi produttivi in maniera intelligente, sostenibile e continuativa, lo sviluppo di competenze manageriali, l’attrattività ed il trattenimento dei talenti ed, in generale, il rafforzamento del proprio capitale umano, anche con il coinvolgimento delle Università, dei laboratori accreditati della Rete Alta Tecnologia, degli enti e degli organismi di ricerca, dei centri per l’innovazione, dei Tecnopoli, delle Associazioni Clust-ER regionali della Regione e degli ITS, con particolare attenzione alla parità di genere, alle nuove competenze STEM e a quelle in grado di operare per il raggiungimento degli obiettivi propri della nuova Agenda ONU 2030.


SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente bando le imprese operanti nel settore tessile facenti parte del distretto industriale pratese che, alla data di presentazione della domanda:

  • soggetti, enti, organizzazioni privati, iscritti nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA) delle CCIAA competenti per territorio, che svolgono una attività economica sia con le forme giuridiche tipiche delle imprese (soggetti iscritti nel registro delle imprese) che nelle forme diverse da queste ultime (soggetti iscritti nel REA ma non nel registro delle imprese, con esclusione delle persone fisiche).


INTERVENTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili gli interventi volti ad investire in competenze per la specializzazione intelligente, per la transizione industriale e per l’imprenditorialità.

I progetti dovranno illustrare un piano triennale di strategia aziendale finalizzata a perseguire uno o più obiettivi di cui al presente bando, dovranno indicate le modalità di finanziamento e dovranno essere articolati in:


FASE A – Rilevazione dei fabbisogni di specifiche competenze all’interno della realtà aziendale necessari per affrontare, alternativamente o congiuntamente:

  • la transizione digitale ed ecologica guidata dalla Strategia di specializzazione intelligente (S3) 2021-2027 regionale;

  • l’innovazione dei metodi di produzione e di organizzazione, i materiali e i processi produttivi in maniera intelligente, sostenibile e continuativa;


FASE B – Introduzione di azioni volte alla riduzione del mismatch tra domanda e offerta di competenze, anche in ottica di genere, e con eventuale coinvolgimento delle Università, dei laboratori accreditati della Rete Alta Tecnologia, degli Enti e degli organismi di ricerca, dei centri per l’innovazione, dei Tecnopoli, delle Associazioni Clust-ER regionali della Regione degli AFAM e degli ITS. Il piano delle azioni dovrà espressamente indicare i percorsi di potenziamento delle competenze che saranno intrapresi e le modalità di finanziamento, con particolare riguardo a quelli per cui il beneficiario intenderà fare ricorso al finanziamento a valere sui Fondi Interprofessionali e/o Fondo Nuove attraverso la partecipazione a opportunità finanziate o

che saranno finanziate a valere sul PR FSE+.


Gli interventi potranno essere avviati a partire dalla data di presentazione della domanda e conclusi entro la data del 31 dicembre 2024.


SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili a contributo esclusivamente le seguenti spese:

  • acquisizione di consulenze specialistiche per la realizzazione del progetto, comprese le spese per la definizione, elaborazione e implementazione di modelli e/o strumenti per rilevazione, il monitoraggio e la valutazione dell’impatto del progetto;

  • spese di trasferta ovvero, viaggio, vitto, alloggio del personale, per i casi di study visit, esperienze presso altre aziende italiane o straniere (stage o trasferte);

  • oltre alle spese sopra indicate, dato il particolare coinvolgimento del personale interno dei beneficiari, sono riconosciute forfettariamente spese generali in misura pari al 7% della somma delle voci A, B, nelle quali possono essere ricompresi i costi generali legati alla gestione del progetto, alla presentazione della domanda e della rendicontazione. Tali spese non dovranno essere oggetto di rendicontazione.


DOTAZIONE FINANZIARIA

Per le finalità di cui sopra vengono stanziate risorse per complessivi 10 milioni di euro.


ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

Il contributo previsto nel presente bando sarà concesso nella forma del fondo perduto, nella misura massima del 75% della spesa ammessa e per un importo, comunque, non superiore a complessivi 50.000 euro.


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande di contributo dovranno essere trasmesse alla Regione dalle ore 10.00 del giorno 10 aprile 2024 alle ore 13.00 del giorno 07 maggio 2024.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


Comments


bottom of page