top of page

FRIULI VENEZIA GIULIA: Progetti di imprenditoria Femminile




Per non perderti più nessuna notizia, iscriviti al nostro canale Telegram.


OBIETTIVO

Contributi a fondo perduto a sostegno di progetti di imprenditoria femminile nei settori dell'artigianato, dell’industria, del commercio, del turismo e dei servizi, ai sensi della legge regionale 11/2011 e del regolamento emanato con decreto del Presidente della Regione 312/2011 e successive modifiche.

Il canale contributivo è gestito su base provinciale dalle Camere di Commercio del Friuli-Venezia Giulia, territorialmente competenti.

I progetti di imprenditoria femminile sono realizzati presso la sede legale od unità operativa dell’impresa beneficiaria situata nel territorio regionale.


SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese strettamente legate alla realizzazione del progetto di imprenditoria femminile:

A) Spese per investimenti, strettamente funzionali all’esercizio dell’attività economica, relativi

all’acquisto e alla locazione finanziaria di:

  • impianti specifici;

  • arredi;

  • macchinari, strumenti e attrezzature;

  • beni immateriali: diritti di licenza, software, brevetti, know-how;

  • hardware;

  • automezzi;

  • sistemi di sicurezza;

  • materiali e servizi concernenti pubblicità e attività promozionali, nel limite di spesa massima ammissibile di 10.000 euro.

B) Spese per la costituzione, quali:

  • spese notarili relative all’onorario;

  • spese connesse agli adempimenti obbligatori per l’avvio dell’impresa nonché business plan nel limite di spesa massima ammissibile di 10.000 euro.

C) Spese di primo impianto, quali:

  • adeguamento o ristrutturazione dei locali dell’impresa, nel limite di spesa massima ammissibile 40.000 euro;

  • realizzazione o ampliamento del sito internet, nel limite di spesa massima ammissibile di 10.000 euro;

  • locazione dei locali, per un periodo massimo di 12 mesi e una spesa massima di 15.000 euro;

  • avvio attività di franchising, limitatamente al diritto di ingresso nel limite di spesa massima di 25.000 euro.


D) Spese per microcredito:

Nel caso in cui il beneficiario sia una microimpresa, sono ammissibili, le seguenti spese relative ad operazioni di microcredito effettuate dalla microimpresa ai fini del finanziamento della realizzazione del progetto di imprenditoria femminile:

  • premio e spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie, in forma di fideiussioni o di garanzie a prima richiesta, rilasciate nell’interesse dell’impresa beneficiaria da banche, istituti assicurativi e confidi, nel limite di spesa massima ammissibile 3.000 euro;

  • oneri finanziari relativi all’effettuazione dell’operazione di microcredito con riguardo agli interessi passivi e alle spese di istruttoria e di perizia nel limite di spesa massima pari a 2.000 euro.


I beni devono essere nuovi di fabbrica.

Nel caso di acquisizione in locazione finanziaria dei beni di cui alla lettera A) è ammissibile la quota capitale dei canoni della locazione finanziaria diretta a tale acquisizione, nel limite massimo di 12 mensilità, incluso l’eventuale “maxi canone” iniziale, alla condizione che il contratto di locazione finanziaria preveda l’impegno del beneficiario ad acquistare i

beni alla scadenza della locazione. L’importo massimo ammissibile non supera il valore del bene.

Non sono ammissibili la quota interessi e le spese accessorie.

Sono ammissibili le spese sia se sostenute dall’impresa beneficiaria sia dopo la presentazione della domanda sia se sostenute dalla stessa prima della presentazione della domanda.


ENTITA' DEL CONTRIBUTO

L’intensità del contributo è pari al 50% della spesa ammissibile, salvo che l’impresa femminile abbia richiesto un’intensità minore.

L’ammontare minimo del contributo è pari a 2.500 euro, l’ammontare massimo del contributo è pari a 30.000 euro.

Il contributo è concesso in osservanza delle condizioni stabilite dalla Commissione europea in materia di “de minimis


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 9.15 del giorno 13 febbraio 2024 e sino alle ore 16.30 del giorno 13 marzo 2024.


 

QSE Studio offre la propria consulenza e supporto alle aziende del territorio Nazionale nella presentazione delle domande e per tutti gli iter burocratici, ma non solo, supporta molte imprese e aziende in tutto il territorio Italiano.


Ricordiamo che per i contributi a partire da euro 10.000, i beneficiari hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni concernenti e concessioni di finanziamenti pubblici erogati nell’esercizio finanziario precedente come stabilito nei commi da 125 a 129 dell'articolo 1 della legge 4 agosto 2017, n. 124, così come modificata dal D.L. n. 34/2019, convertito con Legge n.58/201914.


Se hai bisogno di supporto per le pratiche di bando, credito, finanziamenti, voucher, contributi, affidati al nostro Team di professionisti, contattaci QUI via email o chiama il numero 0522 404388.


Comentarios


bottom of page